Vene Varicose: cosa sono e come prevenirle

La dilatazione delle vene superficiali degli arti inferiori è una condizione molto comune, soprattutto in estate, che interessa soprattutto la popolazione femminile.

Ma scopriamo insieme cosa sono le Varici?

Per varici degli arti inferiori si intende una dilatazione permanente, molto più evidente in stazione eretta, delle vene superficiali degli arti inferiori.
Molto spesso è interessata da questa malattia la vena grande safena che decorre sulla faccia interna delle cosce e delle gambe; molto spesso, sono dilatati anche i collaterali della vena. Sono una patologia molto frequente che colpisce una donna su tre ed un uomo su quattro. Le varici degli arti inferiori, da molti interpretate sostanzialmente come un inestetismo, rappresentano invece una vera e propria patologia (insufficienza venosa) che, se trascurata, può complicarsi anche in modo grave con flebiti, trombosi sino alla embolia polmonare.

Quali sono i sintomi delle Varici, quindi le Vene Varicose?

Le vene dilatate e danneggiate non permettono un normale ritorno del sangue verso il cuore, ciò provoca un fenomeno noto come “stasi venosa”. Questa condizione comporta sintomi che si aggravano con la stazione eretta prolungata e con il caldo. L’indicatore principale della insufficienza venosa da varici è la visibilità costante delle vene dilatate negli arti inferiori. In fasi iniziali le varici sono asintomatiche ma, con il passare del tempo, possono presentarsi i seguenti segni:

  • Gonfiore periferico
  • Pesantezza e senso di tensione delle gambe
  • Prurito alle gambe, soprattutto nella zona delle caviglie
  • Crampi e fitte alle gambe solitamente ad insorgenza notturna

Quali sono le cause delle varici?

Le varici si formano quando le vene non portano correttamente sangue al cuore e si realizza la tendenza al ristagno del sangue. Le vene delle gambe hanno l’ingrato compito di riportare il sangue dal distretto inferiore del corpo, contro la forza di gravità; per fare ciò sfruttano diversi meccanismi, come ad esempio la contrazione dei muscoli delle gambe, la spinta plantare della deambulazione e le valvole “a nido di rondine” presenti all’interno delle vene, valvole che impediscono la ricaduta del sangue verso il basso (reflusso). Quando questi meccanismi non si compiono correttamente il sangue ristagna e le vene si dilatano.

Advances in varicose vein treatment - Harvard Health
Va inoltre considerata la predisposizione genetica ed alcune circostanze particolarmente favorenti come i lavori che si svolgono stando fermi in piedi o seduti nella stessa posizione per lungo tempo, o anche alcune circostanze fisiologiche ma particolarmente “stressanti” per le vene come la gravidanza.

Le varici si possono prevenire?

Non potendo evitare la predisposizione genetica, si deve necessariamente agire su quelle cause potenzialmente modificabili. Diviene quindi importante evitare l’aumento di peso così come la vita particolarmente sedentaria o la prolungata esposizione a fonti di calore o al sole. Compatibilmente con la propria attività andrebbe evitata la posizione in piedi fermi protratta nel tempo e magari “aiutare” il ritorno venoso con l’utilizzo di una calza elastica (la cui compressione e misura deve essere definita dallo Specialista). In caso di gravidanza è opportuno effettuare controlli specifici soprattutto in caso di familiarità per varici (genitori) al fine di evidenziare in fase iniziale l’insorgenza di una insufficienza venosa che, se precocemente contrastata, può regredire dopo il parto.
Per la vita quotidiana sono da sconsigliare indumenti particolarmente aderenti o che possano creare “cingoli” al ginocchio o all’inguine e sono da preferire scarpe con tacco medio per non ostacolare i meccanismi “propulsivi” venosi della gamba.

Trattamenti per le varici

Il più importante concetto a questo riguardo è che le varici non sono tutte uguali e quindi che il trattamento deve essere suggerito sulla base di un accurato studio eseguito dallo Specialista. Presso Ipazia Day Clinical Center di Catanzaro è possibile sottoporsi ad una visita specialistica con il dott. Matteo Bossi, esperto in chirurgia vascolare. Il dott. Bossi effettuerà un ecocolordoppler al fine di individuare il trattamento ideale a seconda condizione di partenza del paziente.

Quali sono le terapie che possiamo intraprendere grazie al consulto del dott. Matteo Bossi?

– Terapia non chirurgica
La terapia elastocompressiva rappresenta uno dei capisaldi del trattamento dell’insufficienza venosa cronica. Il suo principio di azione consiste nell’applicare una pressione esterna che controbilancia le pressioni intravenose patologiche al fine di compensare l’ipertensione venosa da reflusso del sistema venoso (elastocompressione terapeutica). Stiamo parlando di gambaletti o collant con elastocompressione graduata, regolata da diverse classi di compressione a seconda dei millimetri di mercurio esercitati (mmHg). La pressione esercitata sarà più alta in basso e decrescente verso l’alto (radice del polpaccio o coscia) in modo da favorire il ritorno venoso verso il cuore.
I flebotonici sono sostanze che includono numerose molecole di origine soprattutto naturale con varie azioni sul sistema venoso come l’aumento del tono vasale, l’azione antiossidante, antiedemigena (riduzione della fragilità e permeabilità capillare) e la riduzione dell’infiammazione. Alcuni composti contengono la combinazione di due o più principi attivi che ne incrementano l’efficacia. Il loro utilizzo consigliato già negli stadi molto iniziali dell’insufficienza venosa, soprattutto quella caratterizzata dalle teleangectasie (“capillari”) come aiuto al quadro sintomatologico possibile. Ove presenti le varici con reflussi venosi più gravi, o in stadi ancora più avanzati, saranno necessari introdurre altri trattamenti di tipo chirurgico.

– Trattamento chirurgico
Il reflusso patologico lungo le safene, o nelle vene perforanti, con presenza di varici di grosso calibro rappresenta l’indicazione elettiva al trattamento chirurgico. Il trattamento ha due obiettivi: risolvere il reflusso patologico lungo la safena e rimuovere le varici a valle. Il reflusso patologico della grande e piccola safena si tratta attraverso numerose tecniche. Lo standard chirurgico ablativo lo stripping (rimozione) della vena grande safena e la legatura delle vene perforanti incontinenti: con questa tecnica si esegue anche la crossectomia, ovvero la legatura di tutte le collaterali safeniche affluenti, al fine di ridurre le recidive a medio e lungo termine. Lo stripping è considerato un intervento chirurgico poco invasivo, eseguito per lo più in day surgery o in setting ambulatoriale. È possibile un’anestesia loco-regionale o spinale. La deambulazione è immediata e la ripresa all’attività lavorativa è di circa 5-7 giorni. Le complicanze sono minime caratterizzate soprattutto da ematomi con risoluzione spontanea. Il reflusso safenico può essere oggigiorno curato senza la rimozione della safena ma obliterandola (chiudendola) dal suo interno. Tecniche endovascolari di obliterazioni della safena prevedono:

  • L’utilizzo di sonde che emanano calore (termoablazione laser e radiofrequenza);
  • La chiusura della vena con l’immissione di “colla” (cianoacrilato);
  • La scleroterapia con schiuma con o senza abrasione meccanica dell’intima della vena.

Per questo tipo di tecniche si utilizza per lo più un’anestesia locale più o meno estesa in regime ambulatoriale, con una ripresa all’attività lavorativa di 1-3 giorni. Le complicanze di questo tipo di tecnica sono minime, caratterizzate da possibili discromie cutanee, eritema reattivo ed ematomi. Una volta curato il reflusso safenico con una delle tecniche sopradescritte, infine la rimozione delle varici è possibile con delle flebectomie (incisioni cutanee minime e rimozione) o iniezioni di liquido sclerosante o “colla”. L’indicazione al trattamento della malattia varicosa deve tener conto principalmente del beneficio per il paziente dell’atto chirurgico, in relazione allo stadio della malattia e alle condizioni cliniche del paziente. È per questo necessario un consulto con uno specialista che valuterà, in base al grado della malattia, il trattamento più idoneo fatto su misura del paziente. Il dott. Matteo Bossi è specializzato nel trattamento di vene varicose e presso Ipazia Day Clinical Center riceve i suoi pazienti su appuntamento.

Il nostro esperto in chirurgia vascolare, valuterà la tecnica migliore in base alle esigenze specifiche del paziente, tenendo conto che non esiste una tecnica migliore dell’altra, ma la migliore per quel paziente in termini di complicanze immediate (poche per tutte le tecniche) e soprattutto di recidive della patologia a distanza. Una elastocompressione più blanda (elastocompressione preventiva) è auspicabile anche dopo il trattamento per diminuire il rischio di recidive. Per tutte queste ragioni, è sempre bene ricordarsi dell’importanza di sottoporsi ad una visita specialistica di controllo con un eco-color doppler per monitorare il nostro sistema venoso.

Quali sono le possibili complicanze delle vene varicose?

La complicanza più frequente delle varici è rappresentata dalle flebiti. Queste sono provocate dall’ infiammazione della vena superficiale che diventa dolente ed è coperta da cute arrossata. Normalmente le flebiti, se sono localizzate solo alle vene superficiali e non interessano il circolo venoso profondo, non comportano conseguenza gravi ma, se si ripetono nel tempo, possono provocare grande disagio al paziente. Diversa, ma spesso confusa con la flebite, è la trombosi venosa: in questo caso si formano coaguli di sangue all’interno delle vene che divengono dure al tatto e dolenti. Spesso le trombosi insorgono su vene varicose, già di per sé predisposte alla formazione di coaguli a causa della stasi di sangue. La trombosi della safena o di gavoccioli varicosi può anche evolvere e progredire coinvolgendo il circolo venoso profondo, determinando un importante incremento dell’edema, del senso di peso e del dolore all’arto inferiore.
L’insufficienza delle vene superficiali può, se non curata chirurgicamente o mediante calza elastica idonea, provocare una progressiva sofferenza della pelle, soprattutto a livello del malleolo interno. Questa si caratterizza per la comparsa di colorito scuro ed assottigliamento progressivo della pelle stessa (discromia e distrofia cutanea).  Nei casi più gravi si possono presentare delle ulcere cutanee (ulcere flebostatiche) che hanno grande difficoltà alla guarigione.

In che modo possiamo scongiurare le complicazioni delle vene varicose?

Sicuramente intervenendo in maniera repentinamente e sottoponendosi a controlli periodici. Prenota la tua visita di controllo con il dott. Matteo Bossi

Stenosi Carotidea: Approfondimento su Sintomi, Cause e Trattamenti

Stenosi Carotidea: Approfondimento su Sintomi, Cause e Trattamenti

Cos’è la Stenosi Carotidea?

Le arterie carotidi, situate nel collo, sono viali sanguigni cruciali che irrorano il cervello e le strutture facciali. La stenosi carotidea si verifica quando il flusso sanguigno verso il cervello è compromesso a causa della restringimento del diametro di queste arterie, spesso causato dall’aterosclerosi.

Sintomi e Manifestazioni

La stenosi carotidea può essere asintomatica, ma quando si manifestano sintomi, possono verificarsi segni di ischemia cerebrale, come attacchi ischemici transitori (TIA) o ictus. Il TIA è caratterizzato da temporanei disturbi neurologici, mentre l’ictus può portare a danni cerebrali permanenti e persino alla morte.

Cause della Stenosi Carotidea

L’aterosclerosi è la causa primaria della stenosi carotidea, con depositi di placche lipidiche o calcifiche che restringono il lume delle arterie. Fattori di rischio come il fumo, l’obesità, l’età avanzata, e la familiarità con patologie cardiovascolari aumentano il rischio di sviluppare questa condizione.

Diagnosi

La diagnosi della stenosi carotidea viene effettuata principalmente tramite ecocolordoppler, che consente di valutare il grado di restringimento e le caratteristiche delle placche aterosclerotiche. Altri metodi diagnostici includono l’angiografia e l’AngioTAC o AngioRMN per valutare l’anatomia vascolare.

Trattamenti

Esistono due approcci principali nel trattamento della stenosi carotidea: terapia farmacologica e intervento chirurgico.

La terapia farmacologica mira a rallentare la progressione della malattia e ridurre i fattori di rischio, utilizzando farmaci antiaggreganti e per il controllo della pressione arteriosa e del colesterolo.

L’intervento chirurgico è raccomandato per stenosi significative o in presenza di sintomi. Le opzioni includono l’endarterectomia carotidea, che rimuove la placca aterosclerotica, e l’angioplastica con stent, che dilata l’arteria e supporta il flusso sanguigno.

Prognosi

La prognosi dipende dal grado di restringimento e dalle caratteristiche delle placche aterosclerotiche. La gestione precoce e appropriata può ridurre significativamente il rischio di eventi ischemici cerebrali e migliorare la qualità della vita del paziente.

In sintesi, la stenosi carotidea è una condizione vascolare seria che richiede un’attenta valutazione e un trattamento tempestivo per prevenire complicazioni gravi.

Vantaggi della Chirurgia della Carotide

L’intervento chirurgico offre numerosi vantaggi, tra cui una significativa riduzione del rischio di ictus nei pazienti affetti da stenosi carotidea. Le tecniche chirurgiche come l’endarterectomia carotidea o l’angioplastica con stent hanno dimostrato di essere efficaci nel ripristinare il flusso sanguigno e prevenire futuri eventi cerebrovascolari.

È importante sottolineare che, indipendentemente dalla tecnica chirurgica utilizzata, i pazienti devono essere sottoposti a un monitoraggio regolare tramite ecodoppler e devono assumere terapia antiaggregante a vita, specialmente dopo l’angioplastica con stent, per prevenire il rischio di coaguli e restare protetti.

Inoltre, l’intervento chirurgico può essere personalizzato in base alle caratteristiche specifiche del paziente e della sua condizione clinica. Questo approccio personalizzato consente di ottenere risultati ottimali riducendo al minimo il rischio di complicazioni postoperatorie.

In conclusione, la chirurgia della carotide rappresenta un’opzione terapeutica efficace per i pazienti con stenosi carotidea significativa, offrendo una via percorribile per ridurre il rischio di ictus e migliorare la qualità della vita. Tuttavia, è importante che la decisione sull’intervento venga presa in modo ponderato, considerando attentamente i potenziali benefici e rischi in base alla situazione clinica del paziente

Raccomandazioni Postoperatorie e Prospettive Future

Dopo l’intervento chirurgico per la stenosi carotidea, è essenziale seguire scrupolosamente le raccomandazioni del medico per garantire una guarigione ottimale e ridurre al minimo il rischio di complicazioni. Queste raccomandazioni possono includere il controllo regolare della pressione sanguigna, la gestione dei fattori di rischio cardiovascolare come il diabete e l’ipercolesterolemia, e la partecipazione a programmi di riabilitazione.

Inoltre, i pazienti dovrebbero essere consapevoli dei segni e dei sintomi di complicazioni postoperatorie, come sanguinamento, infezione o recidiva della stenosi, e dovrebbero contattare immediatamente il loro medico in caso di preoccupazioni.

Per il futuro, la ricerca continua nell’ambito della stenosi carotidea si concentra sull’identificazione di nuovi approcci terapeutici e sulla valutazione dei risultati a lungo termine dei trattamenti attuali. In particolare, lo sviluppo di nuove tecnologie e terapie mirate potrebbe portare a miglioramenti significativi nella gestione e nel trattamento della stenosi carotidea, offrendo ai pazienti opzioni più sicure ed efficaci per preservare la loro salute vascolare e prevenire eventi cerebrovascolari invalidanti.

In conclusione, una gestione multidisciplinare e personalizzata della stenosi carotidea, che integri terapie farmacologiche, interventi chirurgici e misure preventive, è fondamentale per ottimizzare i risultati clinici e migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da questa condizione vascolare critica.

Un aspetto cruciale della gestione a lungo termine della stenosi carotidea è il coinvolgimento attivo del paziente nella sua salute vascolare. Ciò include aderire ai piani di trattamento prescritti, adottare uno stile di vita sano che comprenda una dieta equilibrata, l’esercizio fisico regolare e la cessazione del fumo, nonché la gestione dei fattori di rischio cardiovascolare.

Inoltre, la consapevolezza dell’importanza della prevenzione primaria e della ricerca precoce di segni di complicazioni è fondamentale. I controlli regolari con il medico per monitorare lo stato delle arterie carotidi e valutare eventuali cambiamenti nella salute vascolare sono essenziali per prevenire il rischio di eventi avversi.

Infine, l’educazione del paziente svolge un ruolo fondamentale nel garantire una comprensione completa della condizione e dei piani di trattamento. I pazienti devono essere informati sui segni e sintomi di complicanze, nonché sulle opzioni terapeutiche disponibili, in modo che possano prendere decisioni informate in collaborazione con il loro team medico.

In definitiva, affrontare la stenosi carotidea richiede un approccio olistico che coinvolga il paziente, il medico curante e altri professionisti della salute, al fine di massimizzare i risultati clinici e garantire una buona qualità di vita a lungo termine per i pazienti affetti da questa condizione vascolare critica.

La ricerca continua nel campo della stenosi carotidea si concentra anche sull’identificazione di nuovi biomarcatori e tecniche diagnostiche avanzate che possano migliorare la precisione nella valutazione del rischio individuale e guidare decisioni terapeutiche più personalizzate. Questo potrebbe portare a una migliore selezione dei pazienti per interventi chirurgici o farmacologici, ottimizzando così i risultati e riducendo al minimo gli effetti avversi.

Inoltre, l’approfondimento della comprensione dei meccanismi patofisiologici alla base della stenosi carotidea potrebbe aprire la strada a nuove terapie mirate che vanno oltre la gestione sintomatica e mirano a rallentare o invertire il processo di aterosclerosi nelle arterie carotidi.

Parallelamente, lo sviluppo di nuove tecnologie e approcci minimamente invasivi potrebbe migliorare l’accesso ai trattamenti per un numero maggiore di pazienti e ridurre al minimo il rischio di complicazioni postoperatorie. Ciò potrebbe includere l’uso di dispositivi e tecniche endovascolari sempre più sofisticati e meno invasivi per il trattamento della stenosi carotidea.

In conclusione, il futuro della gestione della stenosi carotidea è promettente, con nuove scoperte scientifiche e avanzamenti tecnologici che offrono opportunità per migliorare la diagnosi, il trattamento e i risultati clinici per i pazienti affetti da questa patologia vascolare critica. Un approccio integrato e multidisciplinare alla gestione della stenosi carotidea continuerà a essere fondamentale per ottimizzare la cura dei pazienti e ridurre il peso della malattia sulla salute pubblica.

Un ulteriore obiettivo per il futuro è quello di affrontare le disparità nell’accesso alle cure per la stenosi carotidea. Ci sono comunità e popolazioni che potrebbero non avere facile accesso a diagnosi accurate o a trattamenti adeguati. Ridurre queste disparità richiede un impegno per migliorare l’equità nell’assistenza sanitaria, garantendo che tutte le persone affette da stenosi carotidea possano beneficiare di cure di alta qualità, indipendentemente dalla loro posizione geografica o dalle loro risorse finanziarie.

Inoltre, l’educazione e la consapevolezza pubblica sono fondamentali per prevenire la stenosi carotidea e ridurre i fattori di rischio associati, come il fumo, l’obesità e l’ipertensione. Campagne di sensibilizzazione mirate possono aiutare a informare il pubblico sui rischi per la salute vascolare e promuovere comportamenti salutari che possono ridurre il rischio di sviluppare questa patologia.

Infine, la collaborazione internazionale e la condivisione delle migliori pratiche sono essenziali per affrontare la stenosi carotidea su scala globale. La collaborazione tra ricercatori, clinici e responsabili politici può accelerare il progresso nella prevenzione, diagnosi e trattamento della stenosi carotidea, portando a migliori risultati per i pazienti in tutto il mondo.

In conclusione, affrontare la stenosi carotidea richiede un impegno continuo e multidisciplinare per migliorare la comprensione della malattia, sviluppare nuove strategie diagnostiche e terapeutiche e garantire l’accesso equo alle cure. Con un approccio collaborativo e un impegno per l’innovazione, è possibile ridurre il peso della stenosi carotidea sulla salute pubblica e migliorare la vita dei pazienti affetti da questa patologia vascolare critica.